Attestato di Prestazione Energetica  

Cos’è L’APE? 

L’A.P.E. (Attestato di Prestazione Energetica) è il documento che descrive le caratteristiche energetiche di un edificio, di una abitazione o di un appartamento. È uno strumento che esamina le prestazioni energetiche degli edifici ed è obbligatorio per la vendita o l’affitto di un immobile. La valutazione si sintetizza con una scala da A4 a G (scala di 10 lettere)
La validità di un APE è, nella maggior parte dei casi, 10 anni. Per conservarne la validità bisogna garantire i controlli della caldaia previsti dalla legge. L’APE può avere piccole variazioni da Regione e regione, quindi è sempre consigliato informarsi. Ad esempio, l’Emilia-Romagna, con l’approvazione della Legge Regionale n. 26 del 23 dicembre 2004 e in attuazione della Direttiva Comunitaria 2002/91/CE, si è dotata di un sistema in materia di requisiti minimi e attestazione della prestazione energetica degli edifici, operativo dal 1° gennaio 2009 

Cosa deve contenere l’APE? 

L’attestato di prestazione energetica deve possedere una serie di dati: 

  • Prestazione energetica globale ovvero il fabbisogno di energia primaria non rinnovabile necessaria alla climatizzazione invernale ed estiva, per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione, e nel caso del settore non residenziale, tiene conto anche dei consumi per l’illuminazione artificiale e per il trasporto di persone o cose. Il risultato è dato dalla somma dei singoli servizi energetici forniti nell’edificio in esame, viene kWh/mq anno 

 

  • Qualità energetica del fabbricato, ossia gli indici di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale e l’area solare equivalente, e la trasmittanza termica periodica; 
  • Classe energetica, determinata attraverso l’indice di prestazione energetica globale; 
  • Requisiti minimi di efficienza energetica; 
  • Caratteristiche termoigrometriche; ovvero i parametri che definiscono la probabilità che si formi condensa all’interno di un materiale o di una muratura in particolari condizioni atmosferiche 
  • Indici di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile ed energia elettrica esportata; 
  • Emissioni di anidride carbonica; 
  • Quantità annua di energia consumata; 
  • Elenco dei servizi energetici e delle relative efficienze;  
  • Indicazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica con proposte degli interventi significativi ed economicamente convenienti. 

La classe energetica dell’edificio è determinata in base all’indice di prestazione energetica “EP”, espresso in chilowattora per metro quadro anno (kWh/m2/anno), dell’edificio reale e di un edificio “virtuale” di riferimento, identico per geometria, orientamento e ubicazione, ma con caratteristiche prestazionali dell’involucro e degli impianti predefiniti individuati dalla normativa. Più la lettera è vicina alla G, maggiore sarà il consumo energetico dell’immobile. 

 

L’APE può aiutare a ridurre i consumi? 

Oltre ad essere obbligatorio, l’attestato di prestazione energetica (APE) è un documento utile per sapere il grado di efficienza energetica del proprio appartamento, e di conseguenza può essere di supporto nel progettare eventuali interventi. Bisogna specificare, però, che l’APE è un attestato; quindi, una classificazione dell’edificio che si basa su condizioni standard, se l’immobile non viene usato secondo queste i consumi potrebbero essere comunque superiori di quelli calcolati nell’attestato. Ad esempio, anche se la casa risulta in classe A se si mantiene una temperatura di 24 ° all’interno (e non 20-22 come dicono i decreti legislativi 412/93 e 551/99) i consumi in bolletta risulteranno molto più alti.  

Siti consultabili 

https://energia.regione.emilia-romagna.it/certificazione-energetica 

https://www.regione.emilia-romagna.it/urp/servizi-e-strumenti/domande-frequenti-faq/energia/ape-attestato-di-prestazione-energetica 

https://www.cened.it/certificazione 

 

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.

    www.lifeclimaction.eu